I ricci a La Forcatella: una magia che si ripete ogni volta

 

Da ragazzino andavo a raccogliere i ricci di mare con maschera e pinne e un pugnaletto autocostruito intagliando un manico di scopa, che ovviamente galleggiava perché era tutto di legno.

Gli avevo dato anche un nome, Rizzer, facendomi ispirare dal dialetto barese in cui i ricci vengono chiamati “le rizze”. In realtà del coltello aveva solo la forma, perché, essendo fatto solo di legno, non tagliava ma era utilissimo per fare leva tra i ricci e gli scogli, oltre che per raggrupparli sul fondo in un unico punto prima di portarli in superficie.

Lo portavo legato al polso e questo mi consentiva di raccogliere i ricci nelle mani unite e lasciare il coltello – che avrei recuperato prima dell’immersione successiva – dandomi la possibilità di portarne su 10/15 per volta.

In circa un’ora riuscivo a prenderne una cassetta intera nella quale ne entravano circa 500, per la gioia della mia famiglia. Qualche volta li vendevo pure, perché io i ricci da ragazzino non li mangiavo, anche se tutti mi dicevano che erano buonissimi. Ma io li assaggiavo e proprio non riuscivo a farmeli piacere.

Non ricordo esattamente quando sia scattata la molla, ma un bel giorno qualcosa è cambiato e ora i ricci sono per me una vera leccornia, potrei mangiarne un centinaio e più senza problemi, cosa oggi proibitiva visti i prezzi attuali che possono arrivare anche a 60 centesimi l’uno.

forcatella io mangio ricci

Noi baresi siamo abbastanza abituati ad acquistarli ancora chiusi e poi sappiamo aprirli da soli, ma poiché si tratta di un’operazione abbastanza fastidiosa, già intorno al 1965, una famiglia di pescatori della Forcatella, zona costiera tra le località di Savelletri e Torre Canne ebbe la geniale idea di venderli aperti davanti alla loro casa sul mare.

forcatella casa martellotta

Da allora la Forcatella diventò meta di golosi appassionati di questo strano echinoderma, al punto da crearsi, nei periodi più frequentati come i week end e nelle feste comandate, veri e propri assembramenti e interminabili file di auto.

All’epoca c’era solo la famiglia Martellotta a svolgere questa attività e i ricci venivano serviti già aperti sui sottovasi verdi in plastica, usati a mo’ di vassoio.

forcatella il servizio

Anzi, per la verità, si prenotavano e poi si ritiravano, dopo averli pagati, per andarli a mangiare sugli spartani tavoli che erano stati sistemati sugli scogli, ‘nganne a mare (vicino al mare) come diciamo noi baresi.

Potevi accompagnare i ricci con un bel pezzo di pane e una birra ghiacciata, ma se volevi fare un pasto ancora più completo, prendevi anche gli ottimi polpi sottaceto, le alici marinate, le melanzane sott’olio tutta roba fatta in casa – e pure della salsiccia secca e provolone.

forcatella vista mare dal tavolo

Questa era La Forcatella all’epoca. Oggi le cose sono un po’ cambiate, tutt’intorno sono fiorite attività intorno al commercio dei ricci e i posti dove mangiarli sono diventati tantissimi, anche piuttosto costosi, direi. La stessa famiglia Martellotta, pur rimanendo organizzata come all’epoca, ha creato una copertura che fa un po’ da sala e utilizza i piatti in ceramica, pur sempre su comode tovaglie di carta, però il fascino di questo luogo è rimasto forte.

Ci sono andato nei giorni scorsi insieme ad un’altra buona forchetta,  mio fratello Michelangelo, in una giornata bellissima di mare calmo e leggera brezza, con pochissima gente.

forcatella barca che passa

Si stava proprio bene e ho ordinato, come da tradizione, 50 ricci, una vaschetta di alici marinate e una di polpo sott’aceto, pane e birra.

In più ci siamo concessi una frittura – meravigliosa – di polpi e calamari

forcatella frittura polpo e calamari

e la gentile signora ci ha offerto dei dolcetti caldi.

forcatella dolcetti

Quando sei vicino al mare, ne senti il profumo e ti rinfreschi con la sua brezza, non hai bisogno di grande cucina, ma di quella semplice fatta rispettando i meravigliosi prodotti provenienti dalle sua acque.

Così è stato anche questa volta.

E la magia della Forcatella si è ripetuta, come in ogni occasione in cui decido di regalarmi una giornata di questo tipo.

forcatella barca s.lucia

(1651)

Un commento su “I ricci a La Forcatella: una magia che si ripete ogni volta

Lascia un commento