Archivio Mensile: maggio 2016

Arezzo.gen2014 LOMBARDI premio

La scomparsa del Governatore dell’A.I.G.S. Mario Giorgio Lombardi, un mezzo toscano per amico

di Michelangelo Romano

In un mio lungo articolo pubblicato su LSD magazine il 10 febbraio 2014 (Un sogno lungo quanto l’Italia / 2. Arezzo, i Discepoli di Escoffier, un mucchio di curiosità e qualche facezia), scrivendo del 7° Grand Chapitre dei Discepoli di Escoffier, celebratosi a gennaio, volli prendere buona nota anche del premio speciale che, in quella occasione, era stato conferito a Mario Giorgio Lombardi, un amico pure lui “speciale”, che, tramite mio fratello Sandro, al quale voleva un gran bene dell’anima, si era premurato, ancora una volta, di farmi pervenire l’invito alla manifestazione che si sarebbe svolta all’interno della Fiera di Arezzo.

Scrissi, fra le righe: Non è la notte di San Lorenzo, ma, alla fine, una stella è caduta ugualmente e si è appuntata sul petto di Mario Giorgio Lombardi; la Stella d’oro è il riconoscimento che i Discepoli di Escoffier hanno tributato al governatore dell’Accademia Italiana di Gastronomia Storica per i suoi “primi” 40 anni di attività al servizio di un’idea di cucina semplice e legata al territorio, da trasmettere, con buone pratiche di insegnamento ed efficace didattica, alle giovani generazioni. 

Dal coriaceo Mario, un gran temperamento, mi attendevo allora – incredibile! – almeno altri quarant’anni di vulcanica attività…

Ma, invece, quell’anima in perenne ebollizione, quella stella che, per unanime riconoscimento, è stato Mario Giorgio Lombardi (ne ha scritto anche Alberto Lupini su Italia a Tavola), è tornata ora al suo limpido cielo, dopo aver dato luce, in terra e per tanti anni, al mondo dell’enogastronomia italiana, preservandone i più autentici valori storico-culturali.

E’ il 7 maggio scorso, sabato, quando, in serata, mi raggiunge la notizia della sua scomparsa. “Il Professore”, come lo chiamavano tutti quelli, tanti, che erano stati suoi allievi, era deceduto nel primo pomeriggio dello stesso giorno a Chianciano, dove egli risiedeva.

Lo sapevo ammalato da qualche tempo, ma avevo continuato ad incontrarlo, tenace combattente sempre in prima linea, in tutte le manifestazioni che la “sua” Accademia, grazie alle sue capacità, organizzava e promuoveva.

L’ultima volta, era ottobre dello scorso anno, ho potuto abbracciarlo durante le soleggiate giornate della manifestazione “La bisaccia del tartufaio”, a Citerna, il bellissimo paese umbro al confine con la Toscana che 79 anni fa gli aveva dato i natali.

Di Mario, il mio amico umbro ma mezzo toscano, ti colpivano gli occhi limpidi, onesti, di un tranquillo colore celeste-ghiaccio, il vivace intercalare, l’aspirata parlata umbro-toscana, la bonomia, il senso dell’organizzazione, la generosa ospitalità.

Lo avevo conosciuto, per la prima volta, a Gioia del Colle, nell’anno 2010, quando fummo noi ad averlo gradito ospite, in Puglia, per un evento di cultura gastronomica – la tradizione tutta pugliese del fornello – svoltosi nella storica Macelleria di famiglia di Filippo Addabbo e organizzato, col patrocinio dell’Accademia, dalla nostra associazione “La Compagnia Della Lunga Tavola”.

La “Lunga Tavola” spiegai allora, rispondendo anche alla sua curiosità e incamerando il suo divertito sorriso, era – come pure recita lo statuto dell’Associazione – un modo intelligente di “stare insieme” in tanti e a lungo, secondo il reciproco gradimento e l’individuale “umano orologio”, vivendo bei momenti e partecipando, come Mario ha sempre fatto, al “banchetto della conoscenza”.

Dopo quel primo incontro ne seguirono altri, in Umbria, in Toscana, in Puglia; si stabilì uno straordinario feeling fra amici pugliesi e amici umbri e toscani.

E ora – sono qui a parlarne – ecco, è capitato che l’umano orologio di Mario si è fermato e non ci sono più orologiai che possano riavviarlo; questo nostro caro Amico è stato costretto, solo dal suo male inesorabile, ad alzarsi, lasciando la Tavola dove, da socio onorario, ci aveva fatto l’onore di sedersi.

Oggi piangono la forzata e inaspettata assenza di Mario – un amaro vuoto che ci ha colto tutti di sorpresa – i suoi amici, che ha fecondato con gli studi di storia e scienza delle tradizioni enogastronomiche rurali, i suoi fedelissimi, che lo hanno seguito dappertutto, e i suoi studenti, che, non solo da docente di Economia e Marketing e da preside dell’Istituto Alberghiero “Pellegrino Artusi” di Chianciano Terme, ma da vero educatore, con l’esempio, ha accompagnato, prodigo di consigli, in percorsi di vita e di lavoro, oltre gli stretti obblighi scolastici.

Delle sue pubblicazioni edite dall’A.I.G.S., mi è particolarmente cara, e torno a sfogliarla, Arezzo e le sue vallate, storia, arte ed enogastronomia di un territorio tutto da gustare, che, fresca di ristampa, Mario volle affettuosamente donarmi proprio alla fine di quella gioiosa serata aretina in cui lui, attorniato e applaudito da cuochi, giornalisti e comunicatori, da tutti i presenti, si appuntò sul petto la Stella d’oro alla carriera e al merito. Era felice. Così lo ricordo.

Michelangelo Romano

[Capurso, 10.5.2016]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  (667)