Archivio Mensile: luglio 2015

mordi la puglia logo

Torna “Sindaci, ai fornelli !” a Capurso, il divertente format di Mordi la Puglia

mia foto blog

 

 

di Sandro Romano

 

Per il terzo anno torna a Capurso la divertente manifestazione da me ideata insieme a mio fratello Michelangelo, che mette insieme, in un sol colpo, 8 sindaci che si cimentano in preparazioni culinarie, e 8 chef tutor che li assistono e supportano.

Quest’anno i sindaci in gara saranno: Francesco Crudele (Capurso),  Giuseppe Lovascio (Conversano) e Michele De Santis (Cellamare), vincitori in coppia della scorsa edizione, Tommaso De Palma (Giovinazzo), Vincenzo de Nicolò (Triggiano), Domenico Conte (Palo del Colle), Fiorenza Pascazio (Bitetto) e Antonio Lomoro (Valenzano). Testimonial d’eccezione il sindaco di Bari, Antonio De Caro.

locandina sindaci ai fornelli 3^ed.

Sponsor tecnici alcuni produttori dell’agroalimentare pugliese (fra i quali: Pastificio Cardone, Azienda Agricola Piano di Apricena, Panetteria Fulgaro di San Marco in Lamis, Caseificio La Lunghiera di Putignano, Il Cantiere del Gusto di Bari, Consorzio Focaccia Barese, Spirito Contadino di Trinitapoli, Birrificio San Nicola di Bari, Il Panettiere di Altamura, Ristorante Canneto Beach 2 di Margherita di Savoia, Cotto di fichi di Castellana).

A loro saranno abbinati i cuochi: Daniele Caldarulo (Black & White Bari), Bruno Caldarulo (Le Terrazze del Santalucia Bari), Michelangelo Sparapano (componente NIC Ruvo), Vito Guglielmi (Dal Monaco Polignano), Emanuele Natalizio (Il Patriarca Bitonto), Giuseppe Panebianco (Hotel Semiramide Castellana Grotte), Vincenzo Martinelli (freelance Massafra), Ippazio Turco (Lemì Tricase).

La formula prevede che, dopo avere formato 4 squadre con due primi cittadini e due chef, i sindaci si contenderanno gli ingredienti da utilizzare per la preparazione di 4 primi piatti.

Al via, che sarà dato dalla conduttrice Filly De Caro, si alterneranno ai fornelli scambiandosi la postazione ogni dieci minuti con il compagno di squadra, controllati dai giudici di gara, gli chef Luca Cappelluti e Gianni Viceconte dell’Accademia Italiana Gastronomia Storica e lo chef salinaro Salvatore Riontino, che non consentiranno ai cuochi di toccare i piatti se non alla fine per il loro impiattamento.

Allo scadere del tempo dovranno impiattare nella maniera migliore e sottoporre i piatti alle giurie, che saranno così formate:  Pino De Luca, Maria Cicorella, Nazario Biscotti, Luigi Stamerra, Mario Musci (tecnica); Francesca De Leonardis, Titti Dell’Erba, Simona Giacobbi, Kim Phillips, Katia Filannino (rosè). Ci sarà anche una giuria popolare formta da cittadini scelti fra il pubblico.

Dopo la vittoria di Mimmo Birardi, sindaco di Casamassima (supportato dal cuoco Danilo Vita di Carovigno) nel 2013, che vide la simpatica partecipazione anche dell’allora sindaco di Bari Michele Emiliano, e quella di Lovascio (Conversano) e De Santis (Cellamare), in squadra con gli chef Daniele Caldarulo e Michelangelo Sparapano della Nazionale Italiana Cuochi nel 2014, vedremo chi, quest’anno, sarà più bravo degli altri.

Da sinistra: Birardi (Casamassima), Crudele (Capurso), Emiliano (Bari) e Ottombrini (Ruvo di Puglia)

Da sinistra: Birardi (Casamassima), Crudele (Capurso), Emiliano (Bari) e Ottombrini (Ruvo di Puglia)

La manifestazione si avvarrà del supporto tecnico dell’Istituo alberghiero “Majorana” di Bari e di alcuni produttori dell’agroalimentare pugliese: Pastificio Cardone di Fasano, Azienda Agricola Piano di Apricena, Panetteria Fùlgaro di San Marco in Lamis, Caseificio La Lunghiera di Putignano, Il Cantiere del Gusto di Bari, Consorzio Focaccia Barese, Spirito Contadino di Trinitapoli, Birrificio San Nicola di Bari, Il Panettiere di Altamura, Ristorante Canneto Beach 2 di Margherita di Savoia, Cotto di fichi di Castellana Grotte).

Media partners il portale Oraviaggiando, Puglia Mon Amour e le testate giornalistiche LSDmagazine, Casa editrice Nicholaus e Nel Mese.

“Sindaci, ai fornelli!” è un format de La Compagnia della Lunga Tavola, che, in questa edizione ha ottenuto l’egida della Nazionale Italiana Cuochi e dell’Accademia Italiana Gastronomia Storica. e fa parte del grande progetto plurale e reticolare di Mordi la Puglia.

Ingresso libero. Info: Facebook > profilo Gruppo Mordi la Puglia.

(1191)